Breve storia di internet, tipo dal 1999.

Ora non facciamo i precisini, le date le tiro fuori dalla memoria, senza l’ausilio dell’Onnipresente. Fatto è che come uomo qualunque — e con questo intendo tutti gli uomini qualunque che sono milioni e dicono abbasta — sono le cose che mi ricordo io e noi. Questo paragrafo contiene in sé tre citazioni e questa è una roba alla Panofsky quindi se mi volete mettere le note a piè di pagina fate pure.

1999. Internet arriva a noi mortali con il gracchiare del modem 56K e gli abbonamenti gratuiti regalati qua e là, tipo pure su Topolino. Il massimo che puoi fare è il canale della tua scuola su mIRC, per aprire l’email quel quarto d’ora ci vuole tutto, figurarsi un allegato. Parliamo di un mondo in cui un floppy disk aveva un senso quindi, sì, insomma mesozoico. E c’è ICQ che tutti si sbrodolano nel scoprire che si dice ISeekYou. Digiti Cagliari e quanti ne trovi? Una decina.

2000-2002. Ecco l’ADSL, quella di Telecom che ti dà i gadget. Possibilità infinite, ora mIRC permette di scaricare i film da riversare su supporti disco. Si chatta su c6 perché puoi cercare per sesso e fasce d’età. Webcam e scanner hanno sostituito il vecchio ti puoi descrivere? Puoi dire che non le hai, ma una propria foto salvata diventa fondamentale. Cominciano i prodromi del selfie, ce lo ha insegnato Jim di American Pie. I siti di incontri non sembrano ancora il lato oscuro che sono diventati poi, gli dedicano pure un programma in TV. Napster è uno di noi, gli mp3 si ascoltano rigorosamente su Winamp, ma girano su CD che si spacciano di mano in mano, non a tutti è concessa l’alta velocità.

2002-2005. Ora avere un’email non è questa gran cosa, compare Gmail, all’inizio è solo su invito: chi li ha li smercia. È l’esplosione dei blog, ma ancora non esiste il popolo della rete. MSN si mangia tutti gli altri vecchi programmi: è come gli sms, solo che è gratis. Ti prego passa online. Myspace è l’unico social network conosciuto, ma non lo usano in tanti. L’Onnipresente si è mangiato gli altri motori di ricerca, la fotografia digitale ha invaso tutto e ora le foto fioccano: non puoi più chiedere hai una foto, e lì bella pronta nella casellina di MSN. Napster è morto, eMule va un casino. Badoo è vero disagio, ma con il senno di poi il fondo è molto lontano. Gli anni ingenui dei dialer, i primi siti di scommesse online. Vengono meno le regole su soldi e identità. Addio nickname, dimmi chi sei. Ciao, sono un principe nigeriano e ho bisogno dei tuoi soldi… EBAY.

2006-2008. I torrent, i sottotitoli, LOST: è l’invasione dei telefilm. Compare Facebook e pian piano uccide MSN. Volevate un po’ di foto di me? Eccole, cazzo. Nasce il mipiace, nascono i tag. Si esce la sera e il giorno dopo ecco l’album Uscitina, foto letteralmente ovunque. Quelle del giorno-dopo la discoteca sono pronte da taggare, non le mica devi cercare più su Crastulo. Internet si svela per ciò che è: un gigantesco album fotografico, anche se principalmente di gatti. Gli status su Facebook diventano la misura del consenso: quanti mipiace raccoglierò? Il cellulare è quasi soppiantato, avere il numero è inutile: dammi il tuo contatto Facebook. Si diffonde la moda idiota della «condivisione di link», si diffondono status del tipo: condividi una cosa che ho messo io senza mettere mi piace ci resto male sei una merda. Scopriamo finalmente che no, non eravamo tutti così bravi con ortografia e menate da Accademia della Crusca. Wikipedia scatena un boom di lauree. Youtube esplode: non solo foto, ora anche video. L’Italia vince i mondiali e la rete può documentarlo per davvero. Chiunque può diventare uno star, dai video fatti con una compatta emergono cantanti e gruppetti, talent fai-da-te, alcuni hanno esiti a dir poco nefasti.

2008-2011. Ogni tanto MSN lo apri ancora, poi sempre meno, poi non lo apri più. Per fare truffe serve un sacco di ingegno, ma i minorenni sono ovunque. Arriva lo smartphone, internet è ovunque. I social network non li conti più: che cazzo è instagram? Un cellulare perde ormai ogni utilità se non ha connessione. Instagram porta la mania delle foto a un livello successivo. Fanculo whatsapp costa 89 centesimi. Ora una foto può fare mipiace anche in tripla cifra. Ebook, film, tutto è digitale ormai. Il lettore CD/DVD pian piano muore: dammi una chiavetta USB e ti aprirò le porte del paradiso. Il porno professionale o amatoriale ha ormai così tanta possibilità di diffusione che servirebbero 48 ore al giorno. Lo spoiler non è un pericolo, è un’ossessione. La rivoluzione pare si faccia su twitter. Va un sacco di moda mettere mipiace alle pagine, per un periodo a quelle riguardanti gli anziani.

2012-2014. È l’isteria. Un partito politico mette nel suo programma internet gratuito. Anni di: cerca su Google, informati su internet hanno ammazzato il senso critico. C’è un social per ogni cosa, ora si ragione in termini di app. App che richiedono aggiornamenti, che occupano spazio, che intasano telefoni. La nuova tendenza è l’hashtag, è ovunque. Gli psicologi ci rassicurano: se ti fai un #selfie sei fuori di testa. Il telefilm ha sostituito il romanzo. Si può mangiare qualcosa senza prima fotografarlo? Qualcuno si caga ancora i blog?

2 pensieri su “Breve storia di internet, tipo dal 1999.

  1. Caruccio dai: oh, ammetto come “Ciao, sono un principe nigeriano e ho bisogno dei tuoi soldi… EBAY” m’abbia strappato un mezzo sorrisetto vah !

    Gli sms avrebbero meritato uno spaziettino in più già solo per l’avvento dei “tvb, tvbxs, tv1kdb, tvttttttb . Non foss’altro per l’aver anticipato di dieci anni i 160 caratteri da social !

    Magari era sottintesa nel discorso MSN, ma una piccola menzione a parte meritava anche lo smiley: la faccina è stata forse la vera ‘(in)rivoluzione’ interattiva di questo millennio dopo il cellulare. Ormai le guerre non sarebbero più esistite: uno smiley, alla fine di ogni frase, ci salverà !
    Vogliamo parlare anche dell’immortale: “chattiamo in pvt”??, frase che rimarrà, in tutta probabilità, al primo posto nell’intera storia socio-digitale di quest’umanità !

    Ora però tocca tenerlo aggiornato: già immagino un 2014-2016…anzi no .

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...