Tira più un pelo di … che un 30 in Analisi.

Forse l’ho già detto, ma una persona quindici anni più grande di me mi ha descritto l’Acquario (la biblioteca, non qualsiasi altra cosa si possa associare a questo nome) delle Origini. Per metterla in termini biblici: in principio Qualcuno creò l’Acquario solo che, a differenza del cielo e della terra, le cose sono rimaste più o meno uguali. Infatti il racconto del nostro profeta vuole che ci fossero gli ingegneri e che dopo un anno e un solo esame tornasse a studiare a casa per evitare di sprofondare un po’ troppo nel dudeism.

Ora prendiamo il caso di un ragazzo che non si è iscritto al liceo classico e ha passato molti anni della sua formazione scolastica a rimpiangerlo. Si iscrive quindi a Lettere e cosa ci trova? Specie estranee che competono con lui nel suo territorio di caccia. Da poco leggevo che i grandi primati sono i rivali del lemuri, quelli che li han costretti a ritirarsi sempre più, fino a chiudersi in Madagscar. Ecco, Lettere è più o meno così, con il costante flusso dei grandi primati sotto forma di turisti (che sarebbero gli esseri umani) che insidiano il territorio dei lemuri.

Ora vi immaginate se al Siotto o al Dettori, dove il rapporto M/F a volte è di 1/10, fosse concesso a quelli dell’Industriale di girare liberi alla ricreazione? Intendiamoci, andare all’uscita di uno di questi licei si è sempre usato — e si dica en passant che c’è chi c’è andato con la katana — ma è una cosa ben diversa da una presenza costante, da una minaccia. Il nostro studente del Classico aveva comunque 5 ore per 6 giorni per 5 anni per rimorchiare, 5x6x5 di inavvertiti strusciamenti, ammiccamenti che poi al fondo, talvolta per sfinimento, si rivelavano produttivi.

Voi direte che ci sono comunque le lezioni, che però sono nulla in confronto al tempo che si passa in Biblioteca. E lì ecco che arrivano tutti, da ingegneri a economisti, da informatici e geologi. Perché sì, ci sarà anche da studiare, ma se per certe ragioni si sono fatte delle belle guerre con annessi poemi epici cosa sarà mai ripetere due o tre volte un esame? Tira più un pelo di figa che un 30 in analisi. La Biblioteca si riempie di specie esogene: l’ingegnere di Bidda con la canadese, il ragazzo del Sulcis con la roba Carlsberg della Casa dello Sport di Iglesias, la massa del middlecampidown che fa sfoggio di EA7 per non sfigurare con i cremini cagliaritani (nelle intenzioni, s’intende, perché nella realtà l’effetto è l’opposto), chi viene dal paesino e s’infighetta e arriva infine a mettere le Hogan, dopo una vita di scarpine in pelle da gioventù socialista e l’ogliastrino con le Timberland, un po’ strapaese un po’ stracittà.

Chi pensa, però, allo Studente di Lettere? Noi del mondogaggio lo abbiamo già fatto, ma un pensiero non è mai di troppo in questi casi, proprio come per i Panda. Nessuno si è mai lamentato di una eccessiva campagna in difesa dei Panda. Tra l’altro ecco, un Panda se ne fregherebbe eccome di un 30 in analisi.

Meccanismi di difesa se volete. I lemuri si rifugiano in sperdute regioni della Terra, gli studenti di Lettere si rifugiano in parole come spirito critico, sovrastruttura, capitalismo, tensioni sociali, proletarizzazione, lotta di classe, fra uno sguardo a un film di Pasolini e una lettura di Chomsky. Quegli altri cosa capiranno mai? C’è poi anche quel culto della sfiga volontario, ripetere in continuazione e con sarcasmo che gli studenti di Lettere sono destinati alla disoccupazione. A vederla così, non fosse che rimboccare i pantaloni va troppo di moda, lo Studente di Lettere sarebbe il vero Hipster.

In fondo però riconosciamolo, questo trattamento è ingiusto. Perché non avere le stesse possibilità di chi ha scelto il Classico? Forse Lingue, qui a Cagliari, resta il vero baluardo. Isolata nell’ex clinica Aresu, resta ancora inaccessibile ai non iniziati. E per voi, ragazzi, di speranza ce n’è ancora. Superfluo dire che tifiamo per voi.

Un pensiero su “Tira più un pelo di … che un 30 in Analisi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...