Cagliari Arcobaleno.

Tante delle cose che si raccontano su quest’Isola si riassumono in poche terribili parole: la Sardegna è un’altra cosa. Che sia per il mare, per la storia, per l’arte, per una citazione di De Andrè o, per i meno-pop, di Lawrence, è diffusa l’idea che la Sardegna abbia delle peculiarità, mentre gli altri posti no. Senza scomodare località immaginarie come il Molise, noi siamo convinti di una cosa più o meno ovvia: che ogni posto abbia le sue peculiarità. Nella sua peggiore deriva, il tema della Sardegna-è-un’altra-cosa, è incarnato da quel vostro amico che sostiene che non possiate fare vacanze al mare in altri posti, perché il mare della Sardegna è il top.

Questo tipo di narrazioni qui — che personalmente noi tutti odiamo quanto i discorsi del siamo-la-provincia-dell’impero — rispecchiano l’autobiografia di Roberto Baggio: il mio karma è la sofferenza. Punto centrale è infatti quello per cui noi sardi, miga gli altri, abbiamo sofferto e soffriamo ancora un casino. E da qui le immagini di una Sardegna che sembra ferma, che recepisce con ritardo e insofferenza le cose che arrivano dal grande mondo globalizzato (l’Impero!) e rimpiange il tempo in cui si ballava all’ombra del Nuraghe.

Dato che creando questo blog ci siamo dati la missione (eccome!) di raccontare la Cagliari Pop, non tanto diversa da tutte le altre città d’Italia o di ciò che chiamiamo Primo Mondo, è nostra prerogativa sfatare questo mito. Cagliari ha, per esempio, una sua comunità omosessuale che va oltre l’occasionale pride estivo. Anni fa allo Zelig un capofila della comunità faceva ballare la house ai gaggi più gaggi del Campidano. Ecco, tra parentesi la sala house dello zelig era proprio il gaggiumine fine a se stesso.

E se per anni il Go Fish rappresentava l’apice della settimana — un nome che veniva sussurrato con una risatina — l’unico posto dove andare, ora il Rainbow non si nasconde e, come tutte le altre discoteche, anche se nata dalla costola di un bar, pubblica su Facebook le foto della serata in piena. E quanti curiosoni si troveranno? Quanti ti-giuro-che-sono-etero?

Da social network a social network, la Cagliari Arcobaleno si dota degli ultimi arrivati, tipo Grindr dove come il sonar dell’Ottobre Rosso puoi vedere quanti possibili incontri ci sono nelle vicinanze, tutto grazie alla tecnologia GPS. Un profilo tipo scheda carceraria: nome, età, preferenza A/P/V. Una sola lettera e valuti tutti i possibili incastri. Una chattata che scivola su battute a sfondo ittico per poi accorgersi che la Cagliari Arcobaleno è più promiscua è meno puritana delle altre. Ma Facebook funziona comunque alla grande: quali amici in comune della Cagliari Arcobaleno? Ecco, beccato.

Fino ai 28 anni però, perché come ci hanno spiegato alcuni nostri consiglieri politici, a 28 anni sei fuori, sei out. Data di scadenza, non verrai più considerato: cercati un ragazzo serio oppure piacere di averti conosciuto e grazie per tutto il pesce. E cosa resta allora quando ti avvicini ai 40? I parcheggi di Sant’Elia o il piazzale del mercato ortofrutticolo di Sestu, dove girare con le macchine e lanciare occhiate — fare cruising! battuage su quattro ruote! —, tipo rituale amoroso. E poi la macchina si avvicina, si scende, si risale ed è subito Arcobaleno. O proprio il Viale del Tramonto, a Cala Mosca a guardare le coppie che fanno roba e soli, nell’intimo del proprio abitacolo… Il tempo passa per tutti. E quelli più audaci si avvicinano e chiedono: vi serve mica un terzo? Come al mercato, la merce è in mostra: se la vuoi prendila, anche se a volte c’è da pagare.

E poi c’è un tipo umano che ci è sempre caro. Il 40enne tuttoaccaghinato che vive con la mamma, è grasso, usa l’auricolare e strilla contro la madre al telefono: «grazie per avermi lasciato i tuoi fianchi in eredità e NONONLAVOGLIOLAPASTAALSUGO!».

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...