L’invasione ingegneristica della facoltà di lettere e filosofia.

Arroccati sui bastioni, armi alla mano e libri nell’altra, fiero lo sguardo, forte lo spirito, la massa di studenti provava a difendere con sprezzo del pericolo e cavalleresco coraggio le posizione conquistate con una marca da bollo e un certificato d’iscrizione. Ma duro e deciso, l’impeto del nemico invasore si schiantava sui cancelli che già aperti crollavano ai passi della truppa che marciava in direzione opposta e contraria al deciso richiamo non avanzare è già indietreggiare. L’indomani e il giorno dopo ancora, all’alzarsi dei corvi che banchettano sulle vittime e sulle buste della spazzatura, l’immagine terribile della sconfitta piombava sulle balconate, recintati nelle loro nuove posizioni, gli invasori riempivano i banchi di geometria e analisi, li scalfivano e incidevano in penna bic coi loro calcoli integrali e nuove voci venivano portate dal vento che suonavano un po’ come «sei andato a registrare l’esame d’idraulica?» La rivoluzione industriale in tutto il suo ardore precipitava con il suo carico di asfalto e mostri meccanici, parcheggiati ovunque, a impedire l’accesso dietro l’abile guida di chi sa cos’è un pistone. La guerra si combatte per le più varie ragioni ma dietro le più false ragioni e così qualcuno disse che l’aria di via Is Maglias era malsana e qualcuno aggiunse che un continuo vociare impediva lo studio matto e disperatissimo al quale è solito aspirare ogni studente universitario nel pieno dei suoi vent’anni e della sua carica ormonale. Solo una volta lungo il corso delle sciagure umane si disse che ci si batteva per la figa, ma l’onestà dei troiani e degli achei è un lontano ricordo.

La resa incondizionata firmata sulle panchine rosse, l’onta come su quel vagone a Versailles, la macchia che solo un’altra guerra potrà cancellare. E tutti speranzosi volgono lo sguardo alle palme che sembrano spuntare sull’isola che compare un po’ più in là, i figli del custode portano la bandiera della revanche.

Un pensiero su “L’invasione ingegneristica della facoltà di lettere e filosofia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...