Kiagliari. Una guida pop (1): Come muoversi.

Leggi queste pagine che sei nell’aerostazione e sei fortunello perché una decina di anni fa ti saresti trovato in un rettangolo di pochi metri per pochi in più e avresti camminato dall’aereo a una minuscola saletta. Ma ora hai preso il tunnel, hai visto manifesti con cavalli sulla spiaggia, e diciamo le cose come stanno: sei un vip. Ma, pur vip, sei a Elmas e in qualche modo devi raggiungere la città. Hai due vie, come in quei libri in cui ti dicevano se giri a sinistra vai a pagina 37, se vai a destra salta a pagina 56. Ma noi non siamo così stronzi, quindi potrai vedere entrambe le opzioni e nessuno ti ammazzerà a pagina 88.

Opzione numero 1: prendi il taxi. Sì, costa 15 euro, ma non fare il tirchio, sei in vacanza, per Dio!

Opzione numero 2: sei un tirchio senza alcuna vergogna e allora prendi l’autobus. Costa solo 4 euro, investi quei restanti 11 euro in artigianato sardo e fai girare l’economia. Ma non ti prendiamo in giro neanche stavolta, qualcuno ti spennerà comunque, in un modo o nell’altro. L’autobus ti porta in piazza Matteotti. Sarai accolto da un ambiente frenetico, il cuore pulsante del sistema di trasporti pubblici cittadino. Ricordati che se vorrai potrai comprarti qualche canna, non è per nulla difficile.

 

Fauna tipica. In piazza Matteotti puoi incontrare Roberto Maullu, poeta e clochard a cui hanno rubato i colori e continua ancora a cercarli. Per un euro (ricordati che ne hai risparmiati 11) potrai acquistare una delle sue poesie dedicate all’erotismo e contro la vasectomia. Ottimo regalo per qualche amico e l’economia gira davvero con te.

 

Che questa non sia una guida come le altre l’hai capito subito, altrimenti non la leggeresti. È una guida che ti svela i segreti ed ecco il primo. Cagliari non è la sola piazza Matteotti. Quindi ora vuoi andare da qualche altra parte e intorno hai tanti autobus, sono quelli bianchi e arancioni. Ci sono solo quelli, non prendere quelli blu che ti portano in qualche paesino che non t’interesserà mai a vedere, perché tu non sei quel tuo collega.

Ci sono alcune cose che devi sapere sui mezzi pubblici cagliaritani. Sono spesso in ritardo, comunque mai puntuali e tendono a finire facilmente imbottigliati nel traffico perché hanno pochissime corsie preferenziali, tra l’altro occupate nella maggior parte dei casi da macchine in doppia fila. Talvolta impiegheresti meno tempo a piedi che in autobus e questo è dovuto al traffico. Ti sveliamo un altro segreto, stavolta più serio: agli italiani non si dovrebbe concedere la possibilità di guidare, a quelli di Cagliari ancora meno. Ogni minimo angolo diventa un parcheggio, le strade con più di una corsia si trasformano automaticamente in strade con parcheggi aggiuntivi e gli stop sono un accessorio, un segnale per rallentare, ma non troppo.

 

Avvertenza. Non impegnare, mai, per alcuna ragione una rotatoria. Lo spettacolo sarà una cosa del genere: chi è dentro è capace di fermarsi per far passare gli altri, chi si sta inserendo occuperà metà rotatoria oppure si inserirà alla viva il parroco, magari guardandoti negli occhi mentre sfida la morte, conscio che tu ti fermerai. Se solo proverai a rispettare le regole e attendere pazientemente il tuo turno sarai sommerso di clacson, poi superato a sinistra, poi a destra, il tutto fra gli schiamazzi noti da queste parti come frastimmi.

 

Ma tu sei più furbo, altrimenti non leggeresti questa guida, e non hai preso una macchina a noleggio. Vuoi salire sugli autobus perché tu all’ambiente ci tieni un botto. E allora è giusto che tu sappia. Gli autobus tendono a essere pieni e, nonostante ciò, la gente continua a salirci a costo di passare dal tetto o trovarsi uno spazio sopra l’obliteratrice. È scientificamente provato che c’è una possibilità del 65% che una signora con sei-sette sacchi della spesa (pieni di pesce, ovviamente) salga nel tuo autobus strapieno e si faccia strada a sportellate pretendendo anche di sedersi.

Tu sei un campione e hai capito che quando è possibile è meglio andare a piedi. Diciamoci la verità: con dei lombi come i tuoi cosa vuoi che sia una passeggiatina?

Fra tutti gli autobus va accuratamente evitato il 58. Grande quanto un vecchio Ulisse della Fiat, si riempie fino ad ospitare quaranta persone, tutte pressate e con una tale puzza da sentirla sulla lingua. Questo è un classico del sistema di mezzi pubblici del capoluogo isolano. Sempre i soliti attenti studi dimostrano che una sola persona è in grado d’infestare l’intera superficie del mezzo e quegli studi dicono che proprio a te capiterà d’incontrarla. Sul 58 l’effetto è moltiplicato. Per molte volte.

 

Fauna tipica. Sul 58 si può incontrare Mario Gatto. Noto per la sua attività di corriere al mercato di San Benedetto (cfr), la leggenda dice che debba il suo nome a una caduta dal primo piano con atterraggio in piedi. Molto noto per la sua attività di cantastorie (chiedetegli pure di Cappuccetto Rosso) è diventato meglio conosciuto al grande pubblico quando ha rilasciato un’intervista in cui sosteneva di preferire a slip e boxer lo zippy, nonché di non essere né sposato né single ma pensionati.

 

E se già queste descrizioni non ti avessero fatto venire una voglia matta di andare in edicola e comprare un biglietto per chissà-dove l’importante che sia del pullman, dovresti considerare il vantaggio di essere a stretto contatto con la gente e sentire un po’ come si vive a Cagliari che è una cosa che quelle solite guida, ancora una volta, non dicono perché troppo impegnate a descriverti il velo della Madonna di Bonaria. È meglio tornare a casa e mettere su facebook una tua foto davanti all’ennesimo altare oppure scrivere uno status in vernacolo cagliaritano? Tu, che sei un campione, la risposta la sai già.

 

Conversazione 1.0.

– Ma chi? La figlia di signore Iole?

– Ih no non me lo dire, sembrava una cosa brava ragazza

– E invece si è scoperto kedera una prostituta

– Ess non dirmele certe cose a me!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...